01.02.2013 I deserti dell’anima

deserto.jpg

Figli miei,

c’è tanta confusione nei popoli e nei cuori. C’è tanta confusione nella mia Chiesa e i miei fedeli a volte non sanno più orientarsi, perché il cuore di alcuni pastori è scivolato nell’ignavia e hanno abbandonato l’ortodossia per seguire dottrine che non sono la mia Verità.

Qualcuno dice: “Perché Dio permette questo e quello?” Altri giudicano e altri si scandalizzano; chi mi immagina piangente per gli obbrobri commessi dai peccatori, contristato e colmo d’ira per le nefandezze che si sono propagate persino nella mia Casa, la Chiesa.

Niente di tutto questo: il vostro Dio permette solo quello che vuole permettere e dispone solo quello che vuole disporre. Il vostro Dio regna tanto in Cielo quanto in terra, ma la sua Gloria rimane nascosta ai peccatori. Ai servi fedeli, invece, è data qualche Luce per comprendere il mistero di salvezza. Dio non permette nulla che possa arrecare danno ai suoi amati figli e, nel suo grande Amore, li lascia liberi di fare le loro scelte. Non c’è amore senza libertà. Tuttavia, anche il vostro Dio è libero di fare le sue scelte e di amarvi (poiché Lui può solo amarvi, essendo l’Amore in Persona) in modo personale, adattandosi, se così si può dire, all’unicità di ciascuno.

 Ci sono figli che hanno bisogno di severità, di temere terribili castighi per tornare alla casa Paterna, con umiltà. Ci sono altri che vengono attirati dalla ricompensa che Dio elargisce ai retti di cuore. Ci sono altri ancora che abbisognano di tanta tenerezza, perché sono delicati e tendono naturalmente alla mitezza. Dio ha molti modi per attirare ciascuno dei suoi figli nella via della salvezza, secondo le caratteristiche proprie di ogni figlio. Così deve essere. E, in tutte queste diversità di operazioni, Dio non fa differenze, perché ama ciascuno in modo infinito e chiama tutti alla perfezione dell’essere.

 

Questo deve farvi riflettere anche sulle diversità di eventi che chiamano ciascuno sulla retta via. Qualcuno mi dirà: “E coloro che fanno il male e che predicano eresie?”

 Vi ricordo che siete tutti peccatori e tutti siete giustificabili. La Verità tutta intera non è di nessuno sulla terra, ma tutti, più o meno, siete peccatori, quindi avete lacune di fede, di speranza e di carità. La cosa che non sempre tenete in considerazione, è che Dio sa servirsi di tutto e di tutti per il suo Disegno di Amore. Le mie Vie non sono le vostre vie.

 La vostra vita è un cammino e voi stessi vi rendete conto che non siete come eravate in passato e in futuro non sarete come siete oggi. La purificazione, ossia la conversione, non è fenomeno istantaneo, ma comprende tutta la vita e ogni è mezzo è utile per il vostro Dio per condurvi verso la verità tutta intera.

Non scandalizzatevi, dunque, non giudicate, non condannate. Ricordate che Dio è vostro Padre e fa sempre la sua Parte; interrogate piuttosto la vostra coscienza, per capire se anche voi state facendo la vostra parte.

 Ci sono alcuni che credono che per piacere a Dio bisogna fare grandi cose e sono delusi di loro stessi perché non riescono a farle. Non è questo che voglio. Ci sono altri che corrono a destra e a manca in cerca di miracoli. Non è questo che voglio e vi dico anche di stare attenti, perché anche satana e i suoi servi sanno fare miracoli.

Ci sono altri che seguono carismatici e profezie di ogni genere, ma specialmente quelle che seminano angoscia e ne fanno argomenti da salotto. Ci sono quelli che parlano tanto bene e razzolano tanto male. Ma invece di fare tante chiacchiere (poiché dovrete rendere conto di ogni parola inutile), perché non vi preoccupate di quello che dovete fare voi?

 Non vi chiedo niente di impossibile, perché Io so compiere l’impossibile. Vi chiedo semplicemente di fare, con amore, il vostro dovere.

Il vostro dovere di figli di Dio sapete qual è? Non è difficile saperlo: basta riprendere in mano il Catechismo della Chiesa Cattolica. E alla Scrittura quanto tempo dedicate? Alla preghiera?

Più di tutto impegnatevi a lavorare per il vostro Dio, compiendo il dovere del vostro stato con amore. Dio vi chiede amore, sempre ve ne ha chiesto e sempre ve ne chiederà. Non è necessario che andiate lontano o che facciate chissà cosa. I piccoli gesti di ogni giorno sono semi di salvezza per voi e per gli altri, se sono compiuti per amore di Dio e del prossimo.

E siate riconoscenti al vostro Dio che vi ama e che ha tanta cura di voi.

 La vera fede è pacifica e non si agita come canna al vento, secondo il mutare degli eventi. Cercate esempi di fede da imitare? Guardate a coloro che accolgono la Volontà di Dio nella loro vita, a coloro che portano la propria croce con animo pacifico, perché sanno che il Signore dispone solo Amore nella vita di ciascuno e credono, senza vedere, alla sua Provvidenza.

Beati coloro che sanno accettare sia le gioie che le sofferenze e rendono gloria a Dio con spirito di gratitudine. Sono loro che dovete imitare.

 Non agitatevi, dunque, perché: “nella conversione e nella calma sta la vostra salvezza, nell’abbandono confidente sta la vostra forza.(Isaia 30,15)

 E, nell’abbandono fiducioso alla Volontà di Dio, interrogate la vostra coscienza sulla vostra missione personale. Chiedetevi se volete collaborare con il vostro Dio per trasformare il male in bene e pregate, chiedendo a Lui di farvi Luce.

Come riparare al vostro e altrui peccato? Prima di tutto lavorate alla vostra conversione personale, impegnandovi con perseveranza, senza stancarvi di pregare per tutti e di lodare e ringraziare il vostro Dio.

 Non lamentatevi se lo Spirito del Signore vi ha condotto a vivere il deserto dell’anima. Non rifiutate l’Opera Sua in voi, poiché Lui vi santifica. Vi ha condotti nel deserto per liberarvi dagli idoli della vostra vita. E’ lungo il periodo in cui dovete camminare in questo stato solitario, in cui siete assaliti da dubbi e paure umane. Ma il vostro Dio, seppur invisibile e nascosto, rimane Presente e attivo.

 E’ scritto: Perciò, ecco, la attirerò a me, la condurrò nel deserto e parlerò al suo cuore (Osea 2,16) Voi dite di non sentire la mia Voce e il più delle volte è così, ma il profondo del vostro cuore è in comunicazione continua con Me, anche se voi non ne avete la consapevolezza.

Io vi attiro a Me e voi lottate contro le vostre paure e, principalmente, quella di abbandonarvi totalmente alla mia Volontà, perché non la conoscete. Il vostro cuore Mi desidera perché sa, ma le resistenze accumulate nel corso della vita sono come grandi montagne da spostare. Ci vuole tempo, pazienza e perseveranza.

 E’ scritto : Io ti ho protetto nel deserto, in quell’arida terra.(Osea 13,5)

E’ benedetto, dunque, il deserto dell’anima che state vivendo, perché è voluto dal vostro Dio, ma è benedetto anche da voi? Oppure continuate a lagnarvi con Me e tra di voi perché vorreste una vita diversa? Se non è ancora arrivato il tempo della gioia, sappiate aspettare con pazienza e sapienza e credete che il periodo che state vivendo è la necessaria preparazione.

 E’ scritto: Per lunghi giorni starai calma con me (Osea 3,3)

E’ solo nella fede che potete rimanere calmi quando gli eventi vi assalgono come fossero bestie feroci. Ma non state facendo un cammino di fede? Esortatevi, dunque, gli uni gli altri ad avere fede e consolatevi gli uni gli altri, praticando senza sosta la carità fraterna.

 Figli miei, concludo invitandovi a meditare la Sacra Scrittura e vi benedico con Paterna Tenerezza.

                                                              Dio, vostro Padre.

Isaia 41,8-20

8 Ma tu, Israele mio servo,
tu Giacobbe, che ho scelto,
discendente di Abramo mio amico,
9 sei tu che io ho preso dall’estremità della terra
e ho chiamato dalle regioni più lontane
e ti ho detto: «Mio servo tu sei
ti ho scelto, non ti ho rigettato».
10 Non temere, perché io sono con te;
non smarrirti, perché io sono il tuo Dio.
Ti rendo forte e anche ti vengo in aiuto
e ti sostengo con la destra vittoriosa.
11 Ecco, saranno svergognati e confusi
quanti s’infuriavano contro di te;
saranno ridotti a nulla e periranno
gli uomini che si opponevano a te.
12 Cercherai, ma non troverai,
coloro che litigavano con te;
saranno ridotti a nulla, a zero,
coloro che ti muovevano guerra.
13 Poiché io sono il Signore tuo Dio
che ti tengo per la destra
e ti dico: «Non temere, io ti vengo in aiuto».
14 Non temere, vermiciattolo di Giacobbe,
larva di Israele;
io vengo in tuo aiuto – oracolo del Signore –
tuo redentore è il Santo di Israele.
15 Ecco, ti rendo come una trebbia acuminata, nuova,
munita di molte punte;
tu trebbierai i monti e li stritolerai,
ridurrai i colli in pula.
16 Li vaglierai e il vento li porterà via,
il turbine li disperderà.
Tu, invece, gioirai nel Signore,
ti vanterai del Santo di Israele.
17 I miseri e i poveri cercano acqua ma non ce n’è,
la loro lingua è riarsa per la sete;
io, il Signore, li ascolterò;
io, Dio di Israele, non li abbandonerò.
18 Farò scaturire fiumi su brulle colline,
fontane in mezzo alle valli;
cambierò il deserto in un lago d’acqua,
la terra arida in sorgenti.
19 Pianterò cedri nel deserto,
acacie, mirti e ulivi;
porrò nella steppa cipressi,
olmi insieme con abeti;
20 perché vedano e sappiano,
considerino e comprendano a un tempo
che questo ha fatto la mano del Signore,
lo ha creato il Santo di Israele.

 
01.02.2013 I deserti dell’animaultima modifica: 2013-02-05T06:11:19+00:00da dio_amore

Lascia un commento