09.02.2011 Ama te stesso.

!cid_000301c74493$0eda7e70$0700000a@delfino.jpgVengo a  te, piccolo figlio mio, come Maestro d’Amore, per ricordarti quella verità che è dentro il tuo cuore, che è parte di te e che hai dimenticato.

 Ti ricordo che, allontanandoti da Dio, Fonte dell’Amore, hai perso gradualmente la capacità di amare, non solo il prossimo, ma anche te stesso. Ora, per mezzo del cammino di conversione, gradualmente, tu ritorni alla Fonte dell’Amore. Stai facendo un cammino a ritroso. 

 

Piccola anima che mi leggi, credi che in fondo al cuore tu sei buona e credi che tutti gli uomini, nel centro del loro cuore, sono buoni. Sono figli di Dio e, come tali, sono buoni. Potrebbe il Creatore, essendo Bontà assoluta, aver creato figli cattivi?

E’ importante che tu creda questo e che tu sia disposta a rinnegare i tuoi giudizi superficiali, per fare spazio alla verità, ora soffocata dall’errore.

 La bontà originaria di ogni figlio di Dio, però, è stata inquinata dal peccato e, per questo, Dio chiama tutti a conversione, cosicchè ognuno da peccatore possa, per mezzo della grazia, diventare perfetto, come è Perfetto il Padre Celeste. (Matteo 5,48)

 L’Amore ha tre direzioni principali: verso Dio, verso il prossimo e verso se stessi. Io ti assicuro che nessuno può amare se stesso se non ama Dio e, ugualmente, nessuno può amare il prossimo se non ama Dio. Dio solo è Amore e si dona senza misura, per cui chi Lo accoglie può amare come Dio ama e trovare nell’amore la gioia piena a cui anela.

 

Come ciascuno per vedere il proprio volto ha bisogno di uno specchio che rifletta la sua immagine, similmente ciascuno si crea l’opinione di sè mediante la funzione di specchio che esercitano coloro che ama e che frequenta. L’immagine di sé che viene fornita, prima dai genitori, poi dagli amici, dagli educatori, dai coniugi, dai figli, dai colleghi e dalle persone che intrecciano, anche occasionalmente, il percorso della vita, ha notevole influenza sulla personalità e sulla maturazione di ogni persona. Di conseguenza, l’opinione che ognuno ha di sé condiziona le sue scelte, il suo comportamento e tutta la sua vita. E’ molto importante avere una giusta opinione di se stessi. (Romani 12,3)

 

Avrai notato, piccola anima, che ogni persona che hai incontrato nella tua vita ti ha suggerito un’opinione diversa di te stessa. Avrai notato, soprattutto, che sei stimata e apprezzata quando le tue parole e le tue azioni concordano con la persona con la quale ti incontri o ti confronti. In caso contrario, cioè se non sei in accordo, facilmente vieni ignorata o disprezzata.

Ti sarai resa conto che hai bisogno di sentirti stimata, apprezzata ed amata e che, al contrario, il disprezzo, gli insulti ti offendono e ti procurano acerbe sofferenze. A volte puoi riconoscere i tuoi errori e ritenere giusti gli altrui giudizi, altre volte ti ribelli, perché credi di non meritarli. In ogni caso molto spesso il tuo cuore è in conflitto e tu soffri perché non sai chi sei.

 

Ebbene, Io ti dico che solo Dio, che ti conosce perfettamente, può giudicarti. Non permettere che i giudizi altrui, errati o imperfetti, portino troppo turbamento nel tuo cuore.

 Ho detto: “Vi lascio la pace, vi do la mia pace. Non come la dà il mondo, io la do a voi. Non sia turbato il vostro cuore e non abbia timore.(Giovanni 14,27)

 Anima mia, ama te stessa perché Dio ti ama ed ha stima di te. Dio conosce le tue debolezze e ti ama come sei, proprio come sei e non come vorresti essere. L’Amore di Dio è concreto e reale, ininterrotto, gratuito e senza condizioni: oggi sei amata proprio come sei oggi e domani sarai amata proprio come sarai domani, perché, anche se non te ne rendi conto, sei in continua evoluzione. Dio non ti farà mai mancare il suo Amore.

 

Impegnati per migliorare, ma non scoraggiarti di fronte alle tue debolezze e ai difetti che non riesci a correggere. Non ribellarti contro te stessa, ma rimani nella mia Pace.

L’inquietudine del cuore è sintomo di poca fede.  

 Io faccio concorrere tutto al bene, anche i peccati non voluti, ma commessi per debolezza.

Non mi stanco di perdonarti, perché ti amo. Abbi fiducia in Me: la fiducia è amore.

Non stancarti di venire umilmente a Me con la tua miseria, perché solo così potrai conoscere la mia Infinita Misericordia. Lasciati amare e ritrova te stessa nel mio Amore: allora avrai la giusta valutazione di te stessa e dei tuoi fratelli.

 Cerca il mio Volto per specchiarti in Me: Io sono Verità.

 

Non credere, come alcuni fanno, che l’umiltà consista nel disprezzarsi: questa è falsa umiltà, è tentazione che proviene dal padre della menzogna. Considera invece che, disprezzando te stessa, tu disprezzi, anche inconsapevolmente, Dio che ti ha creata. Offendendo te stessa, tu offendi il tuo Dio e non sei nella verità.

 Impara, piuttosto, ad accettarti, pienamente, come sei, perché sai che Dio ti ama.

Il tuo Dio, partendo dalle tue povertà, può compiere in te miracoli d’Amore talmente grandi che non puoi immaginare. Ma se non ti accetti come sei, con le tue debolezze e i tuoi difetti, non permetti al Signore di trasformarti come Lui vuole.

 Impara, dunque, ad avere una giusta opinione di te stessa e metti in pratica la mia Parola:

 “Tutto quanto volete che gli uomini facciano a voi, anche voi fatelo a loro” (Matteo 7,12)

 Stima, apprezza ed ama tutti i tuoi fratelli. Fallo per prima e non esigere il contraccambio e, se sarai disprezzata a causa del mio Nome, gioisci, perché grande è la tua ricompensa nei Cieli.

 Ti amo e ti benedico.

                                                                                          Gesù Maestro

09.02.2011 Ama te stesso.ultima modifica: 2011-10-23T17:13:19+00:00da dio_amore

Lascia un commento