16.05.2013 Lettera a Dio Padre

Mio Dio,

Tu sei il mio Dio, la mia vita, la mia salvezza, il mio rifugio e la mia speranza. Ti lodo e ti benedico e ti chiedo perdono per le mie innumerevoli mancanze.

 Mio Signore e mio Dio, abbi pietà di me ed ascolta il grido del mio cuore.

Credo che Tu sai quello di cui ho bisogno prima che te lo chieda, tuttavia Tu stesso inviti a chiedere, per cui, con fiducia, vengo a Te, rinnovando il mio “ECCOMI” e chiedendoti le grazie che desidero maggiormente.

 Padre mio, riempimi del tuo Santo Spirito perchè io possa obbedire alla tua santa Volontà: questo io cerco con tutto il cuore, questo io desidero dal profondo del mio essere, questo io chiedo con tutte le mie forze. Donami lo Spirito di obbedienza, perché io cammini nelle tue Vie. Donami la grazia di darti gloria, con amore e fedeltà, in tutti i giorni della mia vita, fino e all’abbraccio eterno con Te.

 Padre mio, ho considerato che sono piccola,  fragile e  incline al peccato, tuttavia il desiderio di darti gloria non viene mai meno. So che nulla è impossibile per Te e so che tu ti servi di tutto e di tutti per compiere i tuoi Progetti. Io non posso nulla da me stessa, ma non rinuncio al mio desiderio di darti gloria con tutto il mio essere, perché confido in Te e nel tuo Amore Misericordioso. Donami lo spirito di obbedienza e lo spirito di gratitudine ma, prima di tutto, donami l’Amore che sgorga dal tuo Pietosissimo Cuore.

 Ho compreso che solo l’amore conta, nel tempo e nell’eternità, e che tutto il resto è transitorio.

Ho considerato che i tanti doni dello Spirito sono utili per l’edificazione della comunità e, per questa ragione, potrei chiedertene in abbondanza, perché sarebbero per la tua gloria e per il bene dei fratelli, tuttavia la mia piccolezza mi fa desistere da tale richiesta.

Cerco solo l’Amore: cerco solo Te. Tu hai formato il mio cuore e lo hai reso capace di amare: completa per me l’Opera delle tue mani.

 Ti ringrazio per avermi donato l’appartenenza alla famiglia dei Piccoli figli della Luce: è una famiglia da Te voluta, formata da una moltitudine di piccole anime. Io ti prego per questa Tua e mia famiglia: dona a tutti sovrabbondanza di Amore e la piena capacità di accoglierlo e donarlo. Rinnova ogni cuore con la tua grazia, per la tua gloria, o Dio, e per la nostra gioia.

Donaci lo spirito di preghiera, perché possiamo intercedere efficacemente per tutti i fratelli nel bisogno. Fa’ che ognuno di noi sia uno strumento del tuo Amore Provvidente. Donaci la sapienza del cuore, di arrivare all’unità e alla perfezione: ciascuno nella misura della sua chiamata, secondo la tua Volontà.

 Poiché mi hai donato di appartenere alla Santa Chiesa e alla famiglia umana, a Te innalzo la mia preghiera per tutti: donaci grazia di conversione e di docilità per seguire le tue sante ispirazioni. Donaci grazia di accoglierci vicendevolmente come Cristo accoglie noi, per la gloria di Dio.

Fa’ che, nell’Amore, restiamo uniti al Signore Gesù, a Te, a tutto il Cielo e a tutti i fratelli.

 Mio Dio, salva tutte le anime, perché nulla è impossibile per Te. Tu, che scruti le profondità dell’animo umano, sai come attirare a Te ogni tuo figlio. Mostraci la tua Misericordia e donaci la tua salvezza, perché sei nostro Padre e nostro Dio.

 Infine, Padre Buono, concedi a tutti i tuoi figli di celebrare le tue lodi, con cuore lieto, perché Tu sei degno di ogni onore e gloria per tutti i secoli dei secoli. Ogni vivente ti dia gloria, perché la tua Tenerezza si espande su tutte le creature.

 Mio Dio, ti ringrazio e ti amo con tutto il cuore.

                                                                                    

                               Tua benedetta

 

Eccomi, figlia benedetta.

 Mi hai chiesto tante cose ma in pratica una sola: mi hai chiesto di diventare santa e non solo tu ma tutti! Ora ti faccio Io una domanda: credi di avere pensato da te stessa quello che hai scritto, oppure credi che Qualcuno te lo abbia suggerito?

 Desidero le tue riflessioni spirituali, che ti consentono di conoscermi, e non solo le tue, ma quelle di tutti, perché desidero essere conosciuto per essere amato. Infatti chi mi conosce mi ama e chi mi ama è felice.

 Ora ti senti di fronte a una novità che, in un certo senso, ti porta preoccupazione, perché non sai se è “farina del tuo sacco” oppure una chiamata a servirmi in modo nuovo. Le novità spaventano sempre chi ha poca fede.

 Ebbene te lo dico: se tu vuoi, possiamo cominciare una sorta di dialogo mediante “lettere”: una corrispondenza che sarà resa pubblica, perché anche i tuoi fratelli comprendano quanto è facile comunicare con Me, in assoluta semplicità, e possano trarre utilità dalle Mie e dalle tue parole.

 Tutto questo fa parte del mio Disegno e della tua missione.

 Rinnovo la mia benedizione a te e a tutti coloro che porti nel cuore.

                                         Dio, tuo Padre

16.05.2013 Lettera a Dio Padreultima modifica: 2013-05-25T05:16:23+00:00da dio_amore

Lascia un commento