4 – Il Messaggio – 1° fascicolo – Al Vescovo

AL VESCOVO

 

Voglio dire una parola anche a te, figlio mio Alessandro, perchè i miei desideri siano realizzati nel mondo.

E’ necessario che con il Padre spirituale della “pianticella” del mio Figlio Gesù, siate i promotori di quest’opera, cioè di questo culto speciale che attendo dagli uomini. A voi, figli miei, affido quest’Opera e il suo futuro così importante.

Parlate, insistete, fate conoscere ciò che dirò perchè Io sia conosciuto, amato ed onorato da tutte le mie creature e avrete fatto ciò che Mi attendo da voi, cioè la mia volontà, e avrete realizzato i desideri che da tanto tempo ho custodito nel silenzio.

Di tutto ciò che voi farete per la mia Gloria, Io farò il doppio per la vostra salvezza e la vostra santificazione. Infine sarà nel cielo e solo nel cielo, che vedrete la grande ricompensa che sarò a voi in modo tutto particolare, e a tutti quelli che lavoreranno per questo scopo.

Ho creato l’uomo per Me ed è ben giusto che io sia TUTTO per l’uomo. L’uomo non gusterà gioie vere al di fuori del Padre suo e del suo Creatore, perchè il suo cuore non è fatto altro che per Me.

Dal canto mio, il mio amore per le mie creature è così grande che Io non provo nessuna gioia pari a quella di essere tra gli uomini.

La mia gloria in cielo è infinitamente grande, ma la mia gloria è ancora più grande quanto Mi trovo tra i Miei figli: gli uomini di tutto il mondo. il vostro cielo, mie creature, è in Paradiso con i miei eletti, perchè lassù, nel cielo, che Mi contemplerete in una visione perenne e che godrete di una gloria eterna. Il mio cielo è sulla terra, con voi tutti, o uomini! Sì, è sulla terra e nelle vostre anime che cerco la mia felicità e la mia gioia. Potete darMi questa gioia ed è per voi anche un dovere verso il vostro Creatore e Padre che da voi lo desidera e lo attende.

La mia gioia di essere tra voi non è meno grande di quella che provavo quando ero con mio Figlio Gesù durante la Sua vita mortale, mio Figlio, ero Io che Lo inviavo. Era concepito dal mio Spirito Santo, che sono ancora Io, in una parola ero sempre IO.

A voi, creature mie, amandovi come mio Figlio che sono Io, dico come a Lui: siete i miei figli diletti nei quali pongo le mie compiacenze; è per questo che Io godo in vostra compagnia e desidero restare con voi. La mia presenza tra voi è come il sole sul mondo terrestre. Se siete ben disposti a riceverMi, verrò vicinissimo a voi, entrerò in voi, vi illuminerò, vi riscalderò del mio Amore infinito.

Quanto a voi, anime in stato di peccato, o che ignorate la verità religiosa, non potrò entrare in voi, ma sarò comunque vicino a voi, poichè non smetto mai di chiamarvi, di invitarvi a desiderare di ricevere i beni che vi porto perchè vediate la Luce e guariate dal peccato.

A volte vi guardo con compassione per l’infelice stato nel quale vi trovate. A volte vi guardo con amore per disporvi a cedere ai fascini della grazia. Passo talvolta dei giorni, degli anni anche, vicino ad alcune anime, per poter assicurare loro la felicità eterna. Ignorano che Io sono là che le aspetto, che le chiamo ad ogni istante del giorno. Tuttavia non Mi stanco affatto e provo lo stesso la mia gioia nel restare accanto a voi, sempre con la speranza che un giorno ritornerete al Padre vostro e Mi farete almeno qualche atto d’amore prima di morire.

Ecco, per esempio, un’anima che sta morendo all’improvviso: quest’anima è stata sempre per Me come il figliol prodigo (nota di Madre Eugenia: “Annoto questo esempio che ho visto compiersi tale e quale il Padre nostro ce lo descrive”) . Io la colmavo di beni, le se ne andava sperperando tutti questi beni, questi doni gratuiti del Padre suo amabilissimo, e per di più Mi offedeva gravemente. L’attendevo, la seguivo dappertutto; le davo nuovi favori come la salute ed i beni che facevo fruttare dai suoi lavori così bene che aveva del superfluo. Talvolta la mia provvidenza gliene procurava ancora di nuovi. Era dunque nell’abbondanza, ma non guardava che al triste barlume dei suoi vizi e tutta la sua vita fu un tessuto di errori per il peccato mortale abituale. Ma il mio Amore non si è mai stancato. La seguivo egualmente, l’amavo e soprattutto, malgrado i rifiuti che Mi opponeva, ero contento di vivere pazientemente vicino a lei, nella speranza che forse un giorno avrebbe ascoltato il mio Amore e sarebbe tornata a Me, Suo Padre e Salvatore. infine si avvicina il suo ultimo giorno: le mando una malattia perchè possa raccogliersi e ritornare a Me suo Padre. Ma il tempo passa, ed ecco il mio povero figlio di 74 anni alla sua ultima ora. Sono ancora là, come sempre: gli parlo con più bontà che mai. Insisto, chiamo i miei eletti, che preghino per lui affinchè domandi il perdono che Io gli offro …. A questo punto, prima di rendere l’ultimo respiro, apre gli occhi, riconosce i suoi errori e quanto si sia allontanato dal vero cammino che conduce fino a Me. Rientra in se stesso, poi con flebile voce, che nessuno di quanti gli sono intorno ascolta, Mi dice: “Dio mio, ora vedo come il vostro Amore per me è stato grande ed io Vi ho offeso continuamente con una sì cattiva vita. Non ho mai pensato a Voi, mio Padre e mio Salvatore. Ora vedete tutto e per tutto questo male che vedete in me e che io riconosco nella mia confusione, Vi chiedo perdono e Vi amo, Padre mio e Salvatore mio!”

Egli morì nello stesso istante ed eccolo davanti a Me. Io lo giudico con l’Amore di un Padre, come mi ha chiamato, ed è salvo. Resterà qualche tempo nel luogo di espiazione, poi sarà felice per l’eternità. Ed Io, dopo esserMi compiaciuto durante la sua vita nella speranza di salvarlo con il suo pentimento, godo ancor più con la mia Corte celeste d’aver realizzato il Mio desidero e d’essere suo Padre per tutta l’eternità.

 Quanto alle anime che vivono nella giustizia e nella grazia santificante, provo la mia felicità nello stabilirMi in loro. Mi dono a loro. Trasmetto loro l’uso della MIA POTENZA e con il MIO AMORE trovano un’anticipazione del Paradiso in ME, loro Padre e loro Salvatore!

4 – Il Messaggio – 1° fascicolo – Al Vescovoultima modifica: 2011-10-12T16:15:00+00:00da dio_amore

Lascia un commento